Oli lubrificanti e imposta sul consumo: opportunità e soluzioni

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

Dal 1993, a seguito dell’emanazione del Decreto Legge del 31 dicembre 1992, n. 513, sono state recepite nell’ambito dell’ordinamento nazionale le Direttive UE per l’armonizzazione delle accise di taluni prodotti, fra i quali gli oli minerali.

Nel recepimento di tali direttive, in Italia, nonostante le disposizioni UE imponessero l’esenzione dalle accise degli oli lubrificanti, non solo non è stata recepita l’esenzione, ma in luogo delle previgenti imposte di fabbricazione è stata introdotta l’imposta sul consumo, onere che riduce la competitività internazionale delle aziende italiane operanti nel settore.

Considerato che l’Italia gioca un ruolo rilevante in ambito europeo in merito alla produzione e alla commercializzazione degli oli lubrificanti, in attesa di una riforma del regime in parola, nell’elaborato che segue vengono proposte alcune opportunità alle quali le imprese che utilizzano e/o commercializzano oli lubrificanti possono fare ricorso per non rimanere incise dal tributo.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati della rivista L'IVA, per maggiori informazioni clicca qui.